2 COSA CHIEDONO ASL E COMUNI

Pur con notevoli differenze tra una zona e l'altra dell'Italia le ASL, oltre all'idoneitā dei locali, richiederanno senz'altro  che gli impianti (idrico ed elettrico) siano certificati come pure tutte le apparecchiature utilizzate.  In alcune regioni  occorre aver frequentato uno specifico corso che attesti l'idoneitā alla professione di toelettatore perchč gli Enti preposti ai controlli confondono spesso un'attivitā di toelettatura professionale e quindi prettamente artigiana con la gestione di una toelettatura self service che non comporta nessun intervento manuale da parte del Gestore.

In Emilia-Romagna, ad esempio, č obbligatoria la frequenza ad un corso di benessere animale che nulla ha evidentemente a che fare con l'addestramento specifico alla professione di toelettatore. Comunque nella maggior parte delle regioni italiane nulla di particolare viene richiesto. A scanso di ecuivoci converrā sempre far presente ai funzionari preposti ai controlli che non andrebbero confuse due attivitācon caratteristiche molto diverse.

I Comuni, anche se le opere da eseguirsi all'interno del locale di lavoro saranno di scarsa entitā, richiedono, prima che esse abbiano inizio, la compilazione della S.C.I.A. (segnalazione certificata inizio attivitā) accompagnata da una piantina del locale medesimo in scala 1:50 o 1:100 e da una "Relazione tecnica" che descriva ciō che si intende effettuare, la posizione delle apparecchiature e la loro funzione.


SCIA

A lavori terminati sarā necessario compilare una S.C.I.A. di fine lavori. La S.C.I.A. in molti casi va presentata per via telematica, ma non sempre č necessario l'intervento di un professionista (Geometra, Ingegnere, Architetto, ecc.).

ALLA HOME PAGE